Home

  News

  I Musei

  Dove Mangiare, dove Dormire

  Gli Itinerari

  Attività Sportive

  Dove Siamo

  La Storia

  Contatti

  Numeri Utili

  Link

  Bascio

  Cà Romano

  Maciano

  Miratoio

  Ponte Messa

  Scavolino

  Soanne

   Iscriviti alla nostra newsletter per essere informato sulle notizie

Bascio
 
Prendendo la provinciale 258 direzione San Sepolcro si raggiunge la frazione di Bascio a 14 km dal capoluogo. Domina su tutto una torre millenaria ciò che rimane dell’antico e maestoso castello che dominava la sottostante valle del Marecchia; insieme ai castelli di Gattara, Miratoio e Scavolino, fu uno dei primi feudi della casta dei Carpegna. Ai piedi della torre sono stesi sette tappeti di ceramica che compongono il “giardino pietrificato” appartenente al museo diffuso di Tonino Guerra; i sette tappeti sono dedicati ad altrettanti personaggi del passato che in questo luogo sono vissuti o transitati. Opere del ceramista Giovanni Urbinati, hanno titoli fantasiosi che sono stati suggeriti al maestro da episodi o da gesta del personaggio celebrato.       
Il tappeto dell’anatra dal collo azzurro. Dedicato alla contessa Fanina dei Borboni di Francia andata sposa ad un capitano dei Carpegna. Impazzì per la solitudine ed affidò al vento le sue richieste di aiuto.
Il tappeto delle onde quiete. Per ricordare Giotto che “dal Montefeltro vide lontanissimi i primi bagliori azzurri dell’Adriatico“.
Il tappeto delle piramidi sognate. Dedicato a Bonconte da Montefeltro; “Perché le trentacinque piramidi siano tombe del suo corpo valoroso scomparso nel fiume della battaglia”.
Il tappeto delle Cattedrali abbandonate. Dedicato a padre Matteo da Bascio, fondatore dell’ordine dei Cappuccini che per “tutto il mondo andava esclamando e riprendendo ogni sorta di persona, gridando “all’inferno, all’inferno, peccatori””.
Il tappeto delle conchiglie montanare. In ricordo del grande capitano di ventura Uguccione della Faggiola “che da questi colli vedeva i confini dell’Italia e tanto fu ammirato da Dante che gli dedicò l’inferno”.
Il tappeto dei pensieri chiari. Per ricordare Dante “che vide questa torre fuggendo da Firenze per raggiungere il rumore del mare di Ravenna”.
 
Il tappeto dei pensieri oscuri. Per ricordare il poeta Ezra Pound, vissuto per un breve periodo a Pennabilli, che disse del Marecchia “dove la melma è piena di sassi”.
Nel 2008 sono iniziati, ad opera dell’università di Urbino, alcuni scavi archeologici che stanno portando alla luce reperti e vestigia del passato.